Associazione Cernuschese Astrofili

Osservatorio Astronomico Civico "Gabriele Barletta"

Movimenti e inclinazioni orbitali attorno al Sole…

[quote style=”1″]Oltre all’asse terrestre è inclinato anche il piano orbitale, come ad esempio
quello della Luna?
Ogni giorno il Sole è allo zenit in punti diversi della Terra.
Può essere che la Terra compia un moto ascensionale dal soltizio d’inverno a quello d’estate, poi discensionale da quello d’estate a quello d’inverno? – Francesco[/quote]

La Terra si muove attorno al Sole su di un piano detto “eclittica”, o piano orbitale terrestre.
L’eclittica, per definizione, non è inclinata. E’ il riferimento per qualsiasi misura effettuata su piani e assi di altri corpi celesti (pianeti, satelliti, comete, asteroidi…).
Ad esempio: il piano orbitale della Luna è inclinato di 5,14° rispetto all’eclittica.
L’asse terrestre è inclinato di 23,5° rispetto all’eclittica.
Il percorso che un oggetto celeste compie attorno ad un altro si chiama orbita.
Nel corso dell’anno la Terra si sposta attorno al Sole seguendo un’orbita ellittica, cioè non perfettamente circolare.
Questo vuol dire che in certi periodi dell’anno la Terra è più vicina al Sole rispetto ad altri.
Paradossalmente, il momento in cui il Sole è più vicino a noi (perielio) è il 3 gennaio di ogni anno, mentre è più lontano il 3 giugno (afelio).
L’avvicinamento però è impercettibile ai nostri sensi.
Il variare delle stagioni, infatti, è dovuto esclusivamente all’inclinazione dell’asse terrestre..
Maggiori informazioni qui: https://astrofilicernusco.org/?p=6087
Andrea Scanabissi

Equinozi e cambi di stagione…

Uno dei concetti scientifici meno compresi dalla gente comune è il meccanismo delle stagioni. Molto spesso, infatti, si crede che questo fenomeno sia dovuto al variare della distanza tra Terra e Sole. Niente di più sbagliato. Le stagioni sono causate dall’inclinazione dell’asse terrestre. La variazione della distanza, che pure avviene, assume un’importanza assai minore. Una dimostrazione pratica di questo fatto è stata fornita da una ripresa effettuata dal satellite geosincrono Meteosat 9 di Eumetsat. Sfruttando la sua posizione, fissa al di sopra dell’Oceano Atlantico, ha scattato una foto tutti i giorni, alla stessa ora, per un anno (dal 19/9/2010 al 19/9/2011). Il risultato è il filmato che vedete qui. Quando la linea d’ombra (in gergo, terminatore) è perfettamente verticale si verifica l’equinozio. Ciò avviene in primavera e in autunno, quando la durata della notte è identica in ogni luogo. Quest’anno l’equinozio di primavera è avvenuto il 20 marzo, alle 6:14 del mattino e almeno fino al 2020 ricorrerà in questa data. Il prossimo equinozio d’autunno, invece, è previsto per il 22 settembre alle 15:49. Segnatelo sul vostro calendario! Maggiori dettagli qui (in inglese)

I moti della Terra

Nota: l’inclinazione dell’asse terrestre rispetto all’eclittica è di 23,5° (non 66°33′, come erroneamente riportato a 34 secondi dall’inizio del filmato)